Login

 
 

Ultime immersioni inserite

Data Immersione
06/07/17 Isola dei Cavoli - I Variglioni
02/06/17
02/04/17
19/02/17
10/02/17

Relitto Prosper Schiaffino "Le Donator" (Francia)

Scritto da divemania in data 01/12/11
Rating   Login per votare. Voti: 1  
| Commenti 0 | Visite 3722

 

La Prosper Schiaffino, nota anche come Donator, era stata varatanel 1931 con il nome di Petite Terre e, utilizzata come bananiera, faceva la spola tra la Francia e le Antille Francesi. Nel 1939 divenne di proprietà dell'armatore Charles Schiaffino. Questi aveva la particolare abitudine di battezzare le navi della sua compagnia, circa venti, con i nomi dei suoi parenti.
La Seconda Guerra Mondiale fu purtroppo fatale per la flotta di Schiaffino: tutte le navi vennero infatti affondate durante la navigazione o danneggiate mentre erano alla fonda in qualche porto, a eccezione della Donator. La nave da carico superò infatti incolume i disastri della guerra, tuttavia la buona sorte che l'aveva accompagnata nel periodo bellico svanì: il 10 novembre 1945 la Prosper Schiaffino, con il suo carico di vino, si imbatte in una delle numerose mine abbandonate dai sottomarini tedeschi e affondò.

La nave, costruita nel 1931 nei cantieri della compagnia Holz Werksted A/S, nel porto norvegese di Bergen, era lunga 78,28 metri, larga 11,94 e aveva un pescaggio di 5,54 metri; era dotata di un motore da 1.800 cavalli e aveva una stazza lorda di 1.698 tonnellate. Era il 10 novembre 1945, spirava un forte vento di maestrale e la nave, rallentata dal suo pesante carico, procedeva faticosamente tra i marosi, mentre i frangenti si spingevano fin oltre la murata di babordo.
All'altezza dell'estremità sud-orientale dell'isola, la Donator virò per passare tra Porquerolles e Port Cros. Erano le 13 e 10 quando successe il finimondo! Una fragorosa esplosione percorse l'intera nave, facendola tremare e dilaniandone la prua: era stata centrata in pieno una mina. Si trattava evidentemente di un ordigno che nonera stato scoperto dalle unità di bonifica.
Pochi secondi dopo l'esplosione, lo scafo aveva già imbarcato tanta acqua che la poppa iniziò a sollevarsi. I ventinove uomini dell'equipaggio tentarono disperatamente di calare in mare le scialuppe di salvataggio, tuttavia la posizione sempre più inclinata della nave rese vano ogni tentativo.Il relitto della Donator giace oggi su un fondale sabbioso; la prua dilaniata dall'esplosione si trova a 48 metri di profondità, mentre la poppa è a 51 metri. La coperta continua

Maggiori Informazioni: Scheda Immersione

Testo tratto parzialemte da "I relitti del mediterraneo" edizione white star.

 

Articoli correlati

 

Video correlati

 

 

I nostri Partner nelle vicinanze

Nome Città Categoria Distanza

Vuoi essere presente in questa scheda? Diventa Partner

Commenti

Fai tu il primo commento!


Per inserire un commento devi essere un utente registrato.
Registrati oppure fai il Login
 

Ultimi utenti facebook