Login

 
 

Ultime immersioni inserite

Data Immersione
06/07/17 Isola dei Cavoli - I Variglioni
02/06/17
02/04/17
19/02/17
10/02/17

Il relitto non è il Brindisi 2

Scritto da divemania in data 09/09/11
Rating   Login per votare. Voti: 1  
| Commenti 0 | Visite 3313

 

BARI - Quattro scarponi militari, una maschera anti gas, la copertina di un diario in cuoio punzonata da una ditta di New York, il dado della ruota anteriore di una jeep: i reperti sono disposti in fila sul tavolo investigativo del nucleo Carabinieri subacquei di Bari che li hanno ritrovati sulla coperta della nave a cinquantacinque metri di profondità. I sommozzatori dell’Arma in questi giorni hanno compiuto diverse immersioni su quello che si riteneva essere il relitto piroscafo italiano «Brindisi 2» (silurato di fronte al porto il 6 agosto 1943, v. Gazzetta del 4 settembre 2011 p. 10), ma gli indizi portano in un’altra direzione. Gli scarponi militari sono stati recuperati a poppa dove ce n’è una piccola montagnola, ma sotto la tomaia sono marcati «US NAVY» e cioè appartengono alla marina degli Stati Uniti e così la maschera anti gas; certo è possibile che l’incrociatore leggero italiano portasse equipaggiamento americano, ma man mano che gli oggetti affiorano dal fondale i dubbi si fanno sempre più fitti. Così è per una specie di diario di bordo le cui pagine purtroppo si sfaldano appena viene strappato dalla coltre di fango, sull’interno della copertina porta il marchio della Hoelscher Stationery Co., una tipografia newyorkese che all’epoca era uno dei principali fornitori della Marina americana.

Articolo tratto parzialmente da: lagazzettadelmezzogiorno.it

 

 

Commenti

Fai tu il primo commento!


Per inserire un commento devi essere un utente registrato.
Registrati oppure fai il Login
 

Ultimi utenti facebook