Login

 
 

Ultime immersioni inserite

Data Immersione
27/01/18 Lago di Lavarone - IceExperience
06/07/17 Isola dei Cavoli - I Variglioni
08/02/16 Lido Rosa die Venti
03/02/16 Area Del Ciongolo
27/11/15 SECCA DEL CORVO

L'Isola di Panarea (Sicilia)

Scritto da divemania in data 27/09/11
Rating   Login per votare. Voti: 1  
| Commenti 0 | Visite 5706

 

Le piccole isole Dattilo e Lisca Bianca e gli isolotti di Bottaro e Lisca Nera sono da considerarsi parti dello stesso complesso vulcanico: rappresentano i resti di centri eruttivi impiantatisi su una stessa unità morfologica costituita da un rilievo vulcanico sottomarino. 

L'isolotto di Dattilo, di forma piramidale, è alto 103m., lungho circa 200m.e largo 150m, ed è traforato da numerose caverne. Di fronte alla sua ripida costa occidentale emergono la cosidetta gugli di Dattilo e altri scogli minori. In passato, dalle cavità dell'isolotto si estraevano zolfo e allume.

Lisca Bianca è un isolotto dalla superficie inclinata da ovest verso est, lunga circa 300m.e largo la metà, così chiamato per il colore biancastro della sua roccia; in passato vi si estraeva l'allume, oggi è il regno dei gabbiani, che vi nidificano. Lisca Bianca ha al suo interno la piccola Grotta degli Innamorati, dove la leggenda vuole che chi si bacia resterà unito per sempre. Infine le suggestive isolette Lisca Nera, uno stretto e lungo scoglio di lava e, a circa 150m., Bottaro, largo un centinaio di metri e lungo circa il doppio.

A venti metri di profondità, nel tratto di mare compreso tra questi scogli, l'acqua ribolle di centinaia di colonne di bollicine: ci si trova infatti al centro del vulcano originario, evidentemente non ancora del tutto spento.

A fine novembre 2002 c'è stata un'intensa attività di fumarole sottomarine nel mare di Panarea. Il fenomeno è dovuto alla fuoriuscita di gas vulcanici che premono sotto la crosta terrestre e sono comuni in tutte le zona vulcaniche e nelle Isole Eolie ve ne sono un pò ovunque. Sono gas formati da acido sulfureo, che di per sè sarebbe pericoloso, ma diluito in mare diventa solo leggermente urticante ed arrossa la pelle. 

L'emissione di gas è talora molto concentrata in un'unica "bocca" e in altri casi è dispersa su superfici più ampie. L'aspetto turisticamente più significativo è la presenza di una diffusa serie di bollicine("effetto champagne") e di fiocchi bianchi di zolfo colloidale che talora danno un effetto "fiocco di neve". 

Le temperature relativamente elevate entro i getti più potenti e le forti turbolenze ad essi associate sconsigliano le immersioni in condizioni di scarsa sicurezza.  

Maggiori Informazioni: Schede Immersioni

Proprietà e fonte Testo: esemar.net 

 

Articoli correlati

 

Video correlati

 

 

Commenti

Fai tu il primo commento!


Per inserire un commento devi essere un utente registrato.
Registrati oppure fai il Login
 

Ultimi utenti facebook